search
top

Consigli utili per la preparazione di ricette per antipasti

L’antipasto è uno dei momenti più importanti di un pranzo o di una cena. Che sia in famiglia o con gli amici è con l’antipasto che si presenta la propria abilità culinaria, nonché la propria grazia nel presentare agli ospiti i piatti.

Le ricette per antipasti devono essere concepite come dei piatti capaci di non appesantire eccessivamente né tantomeno di saziare. E’ necessario che essi aumentino l’appetito dell’ospite.
E’ importante dunque presentare in modo appropriato il proprio antipasto ai commensali perchè esso è la premessa del pasto vero e proprio.
Non a caso il termine antipasto deriva da ‘anti+pasto’, cioè prima del pasto. Solitamente esso precede i primi piatti, anche se non è sempre così.

Esistono diversi tipi di ricette per antipasti: antipasti caldi e antipasti freddi. Inoltre si ha la possibilità anche di suddividere gli antipasti in semplici (formati da un solo ingrediente) e compositi (formati da più ingredienti, spesso un mix di carne, verdura o pesce).
Ci sono regioni d’Italia che hanno lunghe tradizioni nei piatti d’inizio. Degna di merito è senza ombra di dubbio la Calabria con i suoi insaccati e le sue verdure sottolio. Anche il Piemonte e la Lombardia non sono da meno grazie ai suoi abbinamenti di carne e pesce con polenta. Interessante è anche il Veneto che offre ai commensali spesso un ottimo baccalà mantecato come antipasto. In alcune regioni addirittura l’antipasto può essere tranquillamente un vero e proprio piatto di portata.
E’ importante che, però, esso sia coerente con il resto del pasto. Di conseguenza se la cena prevede, per esempio, un menù a base di pesce è bene non preparare un antipasto a base di carne, ma orientarsi magari sulle verdure se non si vuole essere ripetitivi con le proteine dello stesso tipo.

Tutte le ricette antipasti su salepepe.itSolitamente è buon uso realizzare degli antipasti che siano abbastanza veloci rispetto ai piatti di portata. Sono quest’ultimi il centro nevralgico del pasto. Il commensale deve dunque prestare attenzione a quest’ultimi e non solo all’antipasto stesso. Semplicità di realizzazione non fa però rima con superficialità. Le ricette per antipasti infatti, pur essendo state realizzate in poco tempo, possono tranquillamente essere presentate in un certo modo. L’antipasto è infatti la parte del pasto in cui l’occhio vuole la sua parte, dal momento che lo stomaco verrà saziato dalle portate principali.
Non abbondare dunque con gli antipasti. Rendere il commensale già sazio alla prima portata non è opportuno. Nei più prestigiosi ristoranti, anzi, i clienti escono con ancora il desiderio di assaggiare qualcosa. Si ricordi che nella maggior parte delle catene di ristorazione questo piatto è stato realizzato per permettere di avere il tempo necessario per preparare la portata principale. Esso però non sazia mai il commensale. E’ bene, dunque, portare avanti una azione di questo tipo. L’antipasto deve svegliare l’appetito, non ammazzarlo, ne saziarlo e deve essere differente dai piatti principali.

Non basta essere più ridotti nelle dimensioni. E’ necessario variare il contenuto dell’antipasto da quello del secondo per esempio. Le ripetizioni non giovano al palato, soprattutto se è affamato e desideroso di sperimentare qualcosa di diverso dal solito.
Seguite questi piccoli consiglio prima di realizzare il vostro antipasto e vedrete che sarà la premessa per una cena di successo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

top